A.D.M.G.

1° Mediterranean Dermatological Interactive Meeting

Malta - 14, 15, 16 November 2019

Italo-Maltese Meeting

Onorary President

Honorary President

Joseph Pace

Professore Emerito di Dermatologia
Università di Malta
Scientific Director

Scientific Director

Alberto Giannetti

Professore Emerito di Dermatologia
Università di Modena e Reggio Emilia

Bureau Committee

Coordinamento tecnico scientifico

Giovanni Fabio Zagni

Past President
Segretario Generale Associazion Dermatologica Ionica (A.D.I.)
Coordinamento tecnico scientifico

Santo Dattola

Presidente Associazione Dermatologi della Magna Grecia (A.D.M.G.)
Coordinamento tecnico scientifico

Antonino Trischitta

Presidente Associazione Dermatologi Campani (ADECA)
Coordinamento tecnico scientifico

Michael Boffa

Presidente Associazione Maltese di Dermatologia e Venereologia (MADV)

Venue

Malta - St Giljan - Congress Center Cavalieri Art Hotel

A poca distanza dall'Italia, nel centro del Mediterraneo, c’è Malta.
Affinità territoriali, culturali, artistiche e di ogni tipo legano i due popoli sin dall'antichità.

Il Meeting Italo-Maltese nasce per promuovere condivisioni e sinergie anche in ambito dermatologico. Inoltre, gli imponenti attuali fenomeni migratori interessano sia l’Italia che Malta con problematiche comuni che andremo ad esaminare.

Sarà richiesto l'accreditamento ECM per evento all'estero.

Save the date.

14, 15, 16 novembre 2019 - Malta

Faculty


  • Ardigò Marco, Roma
  • Boffa Michael, Malta
  • Burroni Marco, Siena
  • Cannarozzo Giovanni, Firenze
  • Cannazza Giuseppe, Modena
  • Cavani Andrea, Roma
  • Cristaudo Antonio, Roma
  • Dattola Santo, Reggio Calabria
  • Dell’Eva Giordana, Siena
  • Ferrucci Silvia, Milano
  • Forgione Patrizia, Napoli
  • Giannetti Alberto, Modena
  • Lasagni Claudia, Modena
  • Luger Thomas, Germany
  • Mandel Victor Desmond, Modena
  • Mercieca Liam, Malta
  • Morrone Aldo, Roma
  • Negosanti Francesca, Bologna
  • Noto Giuseppe, Palermo
  • Pace Joseph, Malta
  • Padovese Valeska, Malta
  • Rossi Alfredo, Roma
  • Sannino Mario, Napoli
  • Soreca Lucia, Napoli
  • Stefanato Catherine, UK
  • Trischitta Antonino, Napoli
  • Zagni Giovanni Fabio, Catania
  • Zanchi Malvina, Venezia
  • Zerbinati Nicola, Pavia

Why Malta?


A poca distanza dall’Italia, nel centro del Mediterraneo, c’è Malta. Affinità territoriali, culturali, artistiche e di ogni tipo legano i due popoli sin dall’antichità. Scambi commerciali, turistici e di lavoro sono in essere costantemente, facilitati anche dalle affinità linguistiche: a Malta le lingue ufficiali sono il maltese e l’inglese, ma la popolazione, per il 60/70%, parla correntemente e correttamente l’italiano.

Il Meeting Italo-Maltese nasce per promuovere condivisioni e sinergie anche in ambito dermatologico. Di fatto, la vicinanza tra i due Paesi (solo 80 miglia di mare separano Malta dalla Sicilia) comporta l’appartenenza a due etnie antropologicamente omogenee, per cui anche l’epidemiologia di molte patologie dermatologiche, per quel che ci riguarda, sono sovrapponibili; risulta evidente, quindi, come un’osservazione condivisa di molti temi comuni possa giovare all’arricchimento delle reciproche conoscenze e ad una migliore gestione di queste malattie.

L’evento che proponiamo comprende due Sessioni estese alla condivisione di importanti patologie dermatologiche molto comuni nei due Paesi. Parliamo di tumori cutanei, psoriasi, dermatite atopica, prurito cronico, ed altre patologie su base immunitaria con le comorbidità associate.

Tuttavia, gli imponenti fenomeni migratori epocali, propri dell’attuale mondo globalizzato, interessano sia l’Italia che Malta con problematiche comuni che andremo ad esaminare. L’arrivo sulle nostre coste di ingenti gruppi non programmati di migranti, impone essere pronti a fronteggiare anche dal punto di vista sanitario situazioni di emergenza, ed a gestire poi le fasi della permanenza nelle comunità di accoglienza. Come è facile immaginare, la dermatologia è chiamata in primo piano ad intervenire sui migranti a causa delle condizioni di precarietà, di promiscuità e di degrado in cui abitualmente hanno luogo le migrazioni.

Per gestire efficacemente le patologie dermatologiche dei migranti, una volta entrati nei territori nazionali, è necessario che i dermatologi abbiano competenze e capacità diagnostico-terapeutiche efficaci nella gestione di patologie a carico di pazienti provenienti da diverse etnie. Il colore della pelle, la sua diversa reattività in funzione di particolari caratteristiche biologiche, possono esprimere sulla cute manifestazioni atipiche che possono ingannare.

La Sessione sulla Dermatologia dei Migranti, per la criticità e l’attualità delle problematiche in esame, è quella di maggiore rilevanza all’interno del Convegno e si propone di valutare le differenti strategie assistenziali messe in atto dai due Paesi per fronteggiare l’emergenza di questo momento storico. A tal proposito le Associazioni Scientifiche Dermatologiche Italiane e Maltesi, partner dell’evento, sono rappresentate dagli esponenti di maggiore spicco.

Completeranno il programma argomenti più comuni e di grande attualità, come le novità in campo farmacologico e tecnologico, la correzione degli inestetismi cutanei, eventuali nuove strategie antiaging, ecc…, temi sempre graditi e interessanti in una società che, in buona parte, nonostante le difficoltà immancabili, vive e si esprime in positivo, andando alla ricerca di uno stato di ben-essere che si esprima innanzitutto sulla propria pelle.

Program

update: May 21, 2019

14 NOVEMBER 2019

ORE 18,00 OPENING CEREMONY

  • Greatings from The Maltese Authorities and The Italian Ambassador to Malta
    • Ore 18,30 PRESENTATION

      • J. Pace, A. Giannetti, G. F. Zagni, S. Dattola, A. Trischitta, M. Boffa
        • Ore 20,00 Welcome dinner

15 NOVEMBRE 2019

Ore 09,30-10,00 LECTURE

  • Antibiotics in Dermatology - Joseph. Pace
    • Ore 10,00-13,00 DERMATOLOGY OF MIGRANTS

      • The National Institute for Health Migration and Poverty: a model of transcultural and multidisciplinary approach to vulnerable population - Andrea Cavani
      • Dermatologic diseases in migrants: the INMP experience - Andrea Cavani
      • Migrant Dermatology - Valeska Padovese
      • Mediterranean Cutaneous Leishmaniasis, the old and the new - Michael Boffa
      • Ectoparasitosis in migrants - Patrizia Forgione
      • Sexually Transmitted Infections in migrants - Antonio Cristaudo
      • Infectious diseases from Africa - Aldo Morrone
      • Discussion

      Ore 13,00-14,30 Buffet lunch

      Ore 14,30-17,30 DERMATOLOGICAL DISEASES SHARED BETWEEN ITALY AND MALTA

      • Diagnosis of tumors of the oral cable - Marco Ardigò
      • Artificial intelligence in the diagnosis of melanoma - Marco Burroni, Giordana Dell’Eva
      • Melanoma precursors - Giuseppe Noto
      • Epigenetic mechanisms of skin neoplasms - Lucia Soreca
      • NMSC: diagnosis and treatment - Giuseppe Noto
      • Discussion

      Ore 17,30- 19,30 TRICHOLOGY, DIAGNOSIS AND THERAPIES

      • Alopecia and histopathology: when and where? - Catherine Stefanato
      • Non-invasive tools for the diagnosis of hair and nail diseases - Victor Desmond Mandel
      • Correlazioni clinico-dermoscopiche ed istopatologiche nelle alopecie cicatriziali - Alfredo Rossi
      • Discussion

      Ore 20,00 Convivial dinner

16 NOVEMBRE 2019

Ore 09,30-10,00 LECTURE

  • Pruritus: diagnosis and therapy - Thomas Luger, Alberto Giannetti

Ore 10,00-13,00 DERMATOLOGICAL DISEASES SHARED BETWEEN ITALY AND MALTA

  • Chemistry and Pharmacology of cannabinoids - Giuseppe Cannazza
  • Dermatology and diet - Liam Mercieca
  • News on atopic eczema - Alberto Giannetti
  • Clinical experience with dupilumab in atopic eczema - Silvia Ferrucci
  • New biologics in psoriasis - Claudia Lasagni
  • Discussion

Ore 13,00-14,00 Buffet lunch

Ore 14,00-15,30 AESTHETIC DERMATOLOGY

  • Dermal redensification and skin revitalization - Francesca Negosanti
  • Treatment of hyperhidrosis with botulinum toxin - Malvina Zanchi
  • Discussion

Ore 15,30-16,30 USE OF FILLERS

  • Nicola Zerbinati

Ore 16,30-19,00 ADVANCES IN LASER THERAPY

  • IPL, upgrading - Mario Sannino
  • Laser and scars - Nicola Zerbinati
  • Fields of application of the QS-Laser: hyperpigmentation, tattoos, skin rejuvenation - Francesca Negosanti
  • Laser rhinoplasty - Giovanni Cannarozzo
  • Discussion
  • Ore 19,30 CLOSING CEREMONY

    • J. Pace, A. Giannetti, G. F. Zagni, S. Dattola, A. Trischitta, M. Boffa

    Ore 20,00 Convivial dinner

    Malta

    Malta (Repubblica di Malta) è una piccola nazione insulare europea, situata al centro del Mediterraneo, a circa 80 Km a sud della Sicilia.  Tutto l’arcipelago maltese ha un ‘estensione di 315 Kmq, ma il suo territorio è tra quelli più popolati al mondo: l’isola principale, Malta (che da il nome a tutta la nazione) è caratterizzata da un grande numero di cittadine che, insieme con la capitale La Valletta, formano una conurbazione con circa 370.000 abitanti.

    tempio megalitico
    La posizione geografica di Malta ha influenzato il corso della sua storia per l’avvicendarsi nei secoli di Fenici, Greci, Cartaginesi, Romani, Arabi, Normanni, Aragonesi, Cavalieri di Malta, Francesi e Inglesi. Da qui una cultura complessa influenzata nel tempo da varie civiltà di cui testimoniano antiche tradizioni, monumenti e opere d’arte di vario stile; non a caso si trovano a Malta ben tre siti dichiarati dall’Unesco patrimoni dell’umanità, e cioè: la stessa capitale La Valletta, i templi megalitici e l’ipogeo di Hal Saflieni. 

    Date queste premesse, non sorprende il fatto che Malta è diventata una delle mete turistiche più visitate al mondo, in questo favorita anche dal clima che è di tipo mediterraneo subtropicale, con inverni molto miti e piovoso ed estati calde e secche, mitigate dalla brezza marina vicino alle coste. A Malta sono rare grandi oscillazioni di temperatura; tra tutte le capitali europee, La Valletta ha gli inverni più miti.

    I maltesi sono per la maggioranza cattolici e ciò si riflette sul contesto sociale e sulla vita pubblica; vi sono più di 360 chiese nelle tre isole principali, Malta, Gozo e Comino. Malta è una sede apostolica: gli atti degli Apostoli raccontano come San Paolo, durante il viaggio che da Creta lo portava a Roma, naufragò a Malta nel 60 d.C.,, probabilmente in quella che oggi è chiamata Baia di San Paolo.

    La Valletta
    Le lingue ufficiali di Malta sono il maltese, che è una lingua semitica derivata dalla lingua sicula-araba, e l’inglese; tuttavia più del 60% dei maltesi parla correntemente l’italiano.

    Le affinità tra Malta e la parte più meridionale dell’Italia, soprattutto la Sicilia, non si limita alla lingua; affinità per quanto riguarda il terreno sono state scoperte fin dall’antichità, come l’analogia del materiale ceramico maltese con quello siciliano, che ha richiamato a Malta molti coloni siciliani già 5000/4000 anni a.C.

    Il tenero calcare di cui è costituita l’isola favorì a partire dal 3500 a.C. il fiorire di templi megalitici, i cui resti sono oggi patrimonio dell’umanità dell’Unesco, e che scomparvero dopo circa un millennio insieme alla popolazione residente.

    Successivamente, intorno al 2100 a.C. un altro flusso migratorio interessò Malta introducendo la cultura dei costruttori dei dolmen, cioè di piccole camere costruite con delle pietre verticali sormontate da una grande lastra; ancora una volta si sarà trattato di gente proveniente dalla Sicilia, per la somiglianza dei dolmen maltesi con analoghe strutture ritrovate anche nell’isola più grande del Maditerraneo.

    Intorno al 1000 a.C. e nei secoli successivi molti popoli colonizzarono Malta: Fenici, Greci, Cartaginesi, Romani, Bizantini, Arabi influenzando la civiltà ed i costumi dei maltesi fino al 1091 quando l’isola fu conquistata dai Normanni provenienti dal Regno di Sicilia. Furono Signori o Conti di Malta i membri della casa normanna di Sicilia, e successivamente tutta la più alta nobiltà siciliana al seguito dei sovrani si spartirono l’isola tra varie contee e baronati.

    Nel 1530 Malta venne concessa in affitto permanente dal Regno di Sicilia ai Cavalieri Ospitalieri, un Ordine monastico militare conosciuto come Cavalieri di Malta, che fortificò l’isola affidando la progettazione delle opere a validi architetti militari come Evangelista Menga e Francesco Laparelli. Il dominio dei Cavalieri finì nel 1798, quando Malta venne occupata da Napoleone che saccheggiò i beni dell’Ordine e riorganizzò l’isola con un’amministrazione a lui fedele.

    Interno della Cattedrale di San Giovanni
    I francesi però erano impopolari, vuoi per l’avversione alla religione vuoi per i saccheggi alle chiese da essi perpetrati, per cui per ben presto gli isolani si ribellarono aiutati anche dal Regno Unito, ma poi finirono sotto la dominazione di quest’ultimo, durata fino al più recente passato: Malta infatti è indipendente dal 1964 e dal 13 dicembre 1974 è una Repubblica con un Presidente a Capo dello Stato; l’8 marzo 2003 con un referendum popolare è stata decisa l’adesione all’Unione Europea. 

    Con oltre 7000 anni di storia, le isole maltesi sono ricche di cultura e di arte. Esse hanno attraversato un’epoca d’oro che risale al Neolitico di cui ci sono rimasti misteriosi templi megalitici dedicati alla dea della fertilità. Più tardi, Fenici, Greci, Cartaginesi, Romani e Bizantini hanno lasciato le loro tracce sulle isola.

    Questo retaggio, unico nel Mediterraneo, si riflette nell’architettura del paese e nei suoi tesori d’arte. Ci sono tante cose da esplorare a Malta: il Grandmaster’s Palace, capolavoro del XVI secolo, la Sacra Infermeria, centro congressi perfettamente attrezzato, il St. James Centre for Creativity, fortificazione perfettamente restaurata dove le opere d’arte contemporanea vengono esposte sulle pareti irregolari: qui il passato e il presente si mescola in una durevole e ammirevole lezione di arte del saper vivere.

    E’ difficile che a Malta passi inosservata l’impronta dei Cavalieri poiché a loro si deve uno dei particolari più conosciuti al mondo, la Croce di Malta a otto punte. Per trovare traccia dei Cavalieri basta cominciare dai luoghi in cui abitavano: le tre città (Vittoriosa, Cospicua e Senglea) e Forte Sant’Angelo, poi La Valletta città fortificata e barocca che fecero edificare. E’ possibile avvertirne la presenza passeggiando all’interno dei loro palazzi, cortili e giardini. Per tutta l’isola si trovano tracce della loro permanenza, dalle strutture di ingegneria militare ai particolari architettonici: forti, bastioni, torri di guardia, acquedotti, chiede e cattedrali. Per non parlare del ricco patrimonio di opere d’arte, argenti, mobilio, sculture. La loro Sacra Infermeria a La Valletta era, all’epoca, uno degli ospedali più rinomati.

    Caravaggio - La decollazione di San Giovanni

    L’arte italiana è presente a Malta in ogni dove; le opere di Mattia Preti non si contano e da tutto il mondo arrivano visitatori per ammirare i due capolavori autentici del Caravaggio, La Decollazione di San Giovanni e il San Girolamo Scrivente.

    Anche il teatro e la musica sono molto popolari nelle isole. Una variegata quantità di teatri e luoghi pubblici offrono un gran numero di concerti musicali moderni, classici e operistici.  La cucina stessa rappresenta un assaggio del patrimonio multiculturale dell’isola. I ristoranti locali offrono una selezione creativa di pietanze allettanti.

    Caravaggio - San Girolamo scrivente
    Ma è il paesaggio maltese che non finisce mai di incantare. Le isole offrono un eccezionale contrasto di colori: l’azzurro del Mediterraneo, il calcare color miele che indora l’architettura e un cielo terso.

    Le isole sono una festa in tutti i sensi: ovunque si vada c’è una vista storica che attende il visitatore. Templi, palazzi, cattedrali e fortini offrono una storia viva, che si può quasi toccare. I suoni giocano un ruolo importante nella vita dei maltesi. Le bande e i fuochi d’artificio possono trasformare una notte d’estate in un ricordo magico.

    Per poter vivere tutto questo non bisogna affrontare lunghi viaggi: ad appena un’ora, o anche meno, dalle principali città italiane partono voli aerei diretti delle compagnie di bandiera e delle principali compagnie aeree internazionali.

    Il 1° Mediterranean Dermatological Interactive Meeting può essere una magnifica occasione per visitare questi posti meravigliosi vicini a noi.   
    Image 1
    Image 1
    Image 1

    Photo Gallery

    Galleria Fotografica
    Galleria Fotografica
    Galleria Fotografica
    Galleria Fotografica
    Galleria Fotografica
    Galleria Fotografica
    Galleria Fotografica
    Galleria Fotografica
    Galleria Fotografica
    Galleria Fotografica
    Galleria Fotografica
    Galleria Fotografica
    Galleria Fotografica
    Galleria Fotografica
    Galleria Fotografica
    Galleria Fotografica
    Galleria Fotografica
    Galleria Fotografica